traduzione 

Su Coluche esiste una formidabile letteratura: decine e decine di ricerche, di reportages, biografie, e testimonianze da parte di firme prestigiose. E’ pertanto superfluo, se non presuntuoso, aggiungere altro. Il nostro compito è recuperarne e tenerne viva la memoria nella nostra comunità ciociara, valcominense e casalvierana per le prossime generazioni.

Già nel maggio del 2001 il sito internet casalvieri.com (Dario Recchia e Franco Ianni) lanciava il progetto : ”Una borsa di studio per Coluche”.

L’originalità del progetto consisteva nel finanziare, mediante una sottoscrizione cittadina, una borsa di studio per una tesi di laurea di ricerca sulla vita e sull’attività artistica di Coluche.

Era un modo di conoscere e far conoscere un personaggio vivissimo nel cuore dei francesi a tanti anni dalla scomparsa, di rendere omaggio ai questa figura speciale di cittadino cultura e di artista, che aveva tradotto ed interpretato le pulsioni e i sentimenti dell’intera comunità francese attraverso la satira, la musica, il cinema, il cabaret, di accostarsi ad una vita condotta all’insegna della provocazione e dell’originalità, ma ispirata nel momento decisivo al principio della solidarietà con le proprie energie volte ai “Restos du coeur”. Era un modo per riappropriarsi collettivamente dell’immagine di questo figlio di emigrati italiani.

Approfittiamo di questa sede per esprimere gratitudine a quei sottoscrittori   Borsa di studio su Coluche               

Con la collaborazione dell’Associazione dei Ciociari in Francia (Raffaele Fiore e Giovanni Di Mambro) si ottenne che la Regione Lazio, nella persona dell’allora Assessore alle politiche sociali Sig.ra Anna Formisano, finanziasse un ulteriore borsa di studio, riservandola ad un lavoro di ricerca sulla figura di Coluche prodotta presso l’Università di Cassino. Coordinatrice nella gestione fu la Prof. Paola Visocchi.

La prima Borsa di Studio (Popolare) fu concessa alla Sig.na Valeria Minicilli per una pregevole tesi di Laurea “Coluche, clown de la Repubblique - Il realismo della comicità" discussa presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Tor Vergata. La seconda Borsa fu concessa al Sig. Arturo La Valle per un importante saggio prodotto presso la facoltà di Lettere di Cassino.

Della tesi della Sig.ra Minicilli presentiamo degli estratti della tesi: “L’introduzione” e il primo capitolo “Coluche: una vita in gioco”.

COLUCHE, CLOWN DE LA REPUBLIQUE: IL REALISMO NELLA COMICITA’

Entrambe le borse di studio furono consegnate in una memorabile serata ai Roselli alla presenza di tutti i professori che avevano curato i lavori e gestita da Paolo Ianni, Lindo Fiore e Edmondo Petrozzi per l’Associazione Dedalus.

Nel 2017 su iniziativa di questo sito è stato istituito il Premio “LeColuche” (PREMIO LeColuche 2017)

Un Premio, con cadenza biennale destinato a concittadini del territorio che si siano distinti nel mondo nel campo dell’arte, della cultura, dell’economia. Il Premio, organizzato con la straordinaria collaborazione dell’Amministrazione Comunale di Casalvieri, del Summer Festival di Casalvieri, della Pro Loco e dell’Azienda Gemar, nella sua prima edizione è stato concesso a Dean e Dan Catenacci, i due stilisti del marchio Dsquared1.

Sempre quest’anno due giovani brillanti artisti della street-art parigina, Luca Fiore e Massimo Pallone, su proposta del nostro sito valcomino-senzaconfini.it e con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, hanno realizzato nel centro storico di Casalvieri un Murales dedicato a Coluche. Un altro parziale tentativo di recuperare in forma visiva alla memoria della nostra comunità l’artista francese.

HISTOIRE D'UN MEC

Ora il suo faccione sta sempre tra noi, a sorriderci o a sorvegliarci con smorfia sorniona ed ironica.

E’ motivo di vanto segnalare che sia Luca che Massimo sono giovani figli di nostri conterranei trasferitisi a Parigi, come a chiudere un cerchio in cui la terra d’origine recupera chi è andato via.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna